Piatti tipici piemontesi pt.3° : bolliti misti e risotto al barolo.



Ancora un post sulla robusta cucina piemontese: la stagione è quella giusta per questi piatti molto calorici quindi vogliate scusarmi se ho postato per due volte di seguito le ricette di questa "rubrica"....
bene, per il bolliti si scelgono preferibilmente tagli di carne come la spalla, la punta di petto, testina (la famosa "téstina rasà"), coda..... e devono sempre presentare una bella vena di "grassetto" o l'osso; indi per cui sono vivamente sconsigliati pezzi magri come il filetto.
molti la carne la immergono quando l'acqua già bolle, mentre io metto tutto a freddo; trovo che così facendo il brodo risulti molto più saporito (ottimo ed indicatissimo per il risotto!).
si immerge la carne in una pentola con un paio di litri d'acqua, un pugno di sale grosso, una foglia di alloro, mezza carota, un pezzetto di cipolla ed altre erbe aromatiche a piacimento.
si porta poi al bollore lasciandolo per un paio d'orette comunque appuntandolo di tanto in tanto con un forchettone per tastarne il grado di cottura.
una volta cotto si serve in tavola ancora intero e fumante su di un tagliere dove ognuno dei commensali taglierà il suo pezzo con il coltellaccio da cucina.
per il contorno si preferiscono semplici verdure lesse (carote, patate....) o una bella insalata verde servita a parte.
le salse d'accompagnamento sono la classica maionese, bagnetto verde o rosso (vedi post precedenti), senape, salsa rubra o mostarda d'uva e di frutta in generale.
se ne avanzaste un pezzo potrete gustarlo anche freddo il giorno dopo: tagliatelo a pezzettoni, una presa di sale e pepe, olio, aceto e prezzemolo tritato.
girate il tutto come se si trattasse di un'insalata e servite!
RISOTTO AL BAROLO
INGREDIENTI:
riso
cipolla
vino barolo
burro
olio
brodo di carne
sale & pepe
PROCEDIMENTO:
tritare finemente mezza cipolla e fatela dorare in casseruola con olio e burro, unitevi il riso girandolo con un cucchiaio di legno e aggiungere un bicchiere di barolo.
una volta evaporato il vino, aggiungere il brodo poco alla volta fino a cottura ultimata.
ora togliete la casseruola dal fuoco, condire con sale e pepe e una noce di burro che dovrè essere sciolta completamente rimestando il tutto prima di servire caldo.
Adesso però, vorrei raccontarvi un'aneddoto che ho vissuto in prima persona domenica scorsa mentre ero in macchina con il mon amour durante il rientro da un breve giretto a vedere le vetrine dei negozi in centro Milano.
è stata una cosa che per la sua abominevole bestialità me ne ricorderò per moltissimo tempo, se non fino a quando campo!
come ho detto prima, eravamo in macchina fermi ad un semaforo lungo Viale Certosa, proprio quello sull'incrocio che porta sulla tangenziale nord, dove noi dovevamo entrare.
d'un tratto scorgo una figura femminile sotto al ponte del viadotto dell'autostrada.
ho subito pensato ad una delle povere ragazze dell'est che si prostituiscono e che sono in mano ad organizzazioni criminali.... in effetti non sbagliavo, però poco a poco che la colonna di auto avanzava ho notato subito quello che era il terribile abominio: la povera ragazza non più che ventiduenne era incinta!!!!!!! caspita ma sarà stata all'ottavo mese!!!! aveva il pancione come me..... era là solo con pochi straccetti addosso.... al freddo.... CASPITA MA FACEVA UN FREDDO BOIA!!!!!
ma come fanno certe persone a essere così disumani??!! come fai a mandare sul marciapiede una donna in quelle condizioni????? ma come fanno a non avere nemmeno la benchè minima pietà per la creatura che ha in grembo????? come fanno i clienti a non provare pena per una persona così???? MA COME SI FA?????
arriviamo sulla stradina che porta a casa nostra che è ormai buio pesto, si vedono solo le sagome dei larici e degli abeti coperti di neve ai bordi della strada, e per un'attimo i fari della nostra auto illuminano un gufo appollaiato sul palo di uno steccato di legno a bordo strada che ci guarda con i suoi occhioni gialli.
una volta arrivati scendo dall'auto e attraversando il giardino respiro a lungo godendo dell'aria frizzante e pulita delle montagne e del silenzio assoluto.
mi rivedo comunque l'immagine di quella poveretta su quel marciapiede..... al freddo....
neanche dopo una lunga doccia calda, la cena, le coccole sul divano davanti alla TV e dopo aver fatto l'amore sul nostro letto non mi fanno dimenticare quella drammatica vicenda....... ho sempre quell'immagine di fronte!
vorrei tanto che chi ha il potere di fermare questo scempio bestiale legga queste righe e che si mobiliti al più presto affinchè queste cose non accadano MAI PIU' !
buon anno a tutti.


11 commenti:

Franz ha detto...

L'uomo può raggiungere i massimi livelli di cattiveria e disumanità. Purtroppo il mondo è pieno di questa gentaglia. Non oso paragonarli alle bestie, perchè gli animali anche i più ferici non si comportano così. A volte mi vergogno di appartenere alla razza "umana". Ma dopo penso a tutte quelle brave persone che hanno un cuore e un'anima, che vanno i volontari e aiutano le persone in difficoltà, anche a capodanno, portando coperte e viveri a chi ne ha bisogno. Penso ai volontari nei Paesi di guerra che festeggiano il Natale sotto le bombe e vengono ripagati dei loro sforzi, dalle persone che soccorrono, semplicemente con un sorriso.
Penso che ciascuno di noi possa fare qualcosa per migliorare la vita, l'importante è non chiudere gli occhi e tu hai fatto bene a parlarne. Dobbiamo dare voce a chi non ne ha e raccontare cosa succede.
Grazie Heidi. Buon Anno Nuovo e speriamo che il piccolo di quella ragazza possa nascere in un luogo sicuro e che per la madre inizi un nuovo anno con una nuova vita.

JAJO ha detto...

Ciao Heidi, io sul lesso mi concedo una buona e piccantina mostarda di frutta o, meglio ancora, del semplicissimo olio (buono) e sale: stupendo !
E sono d'accordo con te nel mettere la carne ad inizio cottura nell'acqua fredda: è bene che salga di temperatura con l'acqua.
Il risotto al Barolo mi manca ma l'ho fatto con l'Amarone (i miei due vini preferiti :-D)
Per quanto riguarda la ragazza, purtroppo devo dire che la prima a dover (e poter) bloccare lo scempio è proprio lei: certo le ragazze che denunciano i propri aguzzini (non so se siano peggiori quelli che le mettono sul marciapiedi o quelli che pretendono da loro le prestazioni) vanno protette e tutelate però, spesso, l'imput deve nascere proprio da loro stesse.
Un bacione a te ed ancora mille auguri a tutti e due (pardon... TRE :-D)

Heidi ha detto...

FRANZ: si sà già, ma in oltre glie lo leggevi negli occhi che era obbligata a fare quello che stava facendo, credimi che per un'attimo avrei voluto spalancare la portiera della Volvo e urlarle "SALI!!! VIENI VIA!!! SCAPPA!!!!" si spera solo che qualcuno prenda atto di quello che succede....

JAJO: ti ringrazio per avermi ricordato della salsa piccante che non ho citato!!
però vorrei sapere se tu come salsa piccante per l'accompagnamento del bollito usi solo la mostarda oppure qualche altra salsina di tua creazione... fammi sapere che sono curiosa!
poi per quella povera donna ti do pienamente ragione, anche se per loro è difficilissimo denunciare in quanto sono sistematicamente terrorizzate a morte dai loro aguzzini e per paura di ritorsioni nei confronti delle loro famiglie!!
ciao buon 2009!

Paola ha detto...

Non so, anche io rimango sbigottita di fronte a certe crudeltà, ma soprattutto penso perchè??? Non siamo mai stanchi di cattiverie e soprusi, il marcio è ovunque. Baci e tanti tanti auguri!!!

Mestolo e Paiolo ha detto...

Ciao Heidi,
io la carne la metto a freddo solo quando voglio avere un brodo molto buono, se viceversa il piatto più importante dev'essere la carne, allora la metto quando bolle, così si cuoce senza perdere troppo i suoi sapori. Sono d'accordo con te riguardo la scelta e la tipologia dei tagli. Da noi si usa accompagnarla con la salsa di cren, ottenuta con la radice di rafano, è molto piccante. Il risotto al barolo dev'essere strepitoso! Riguardo l'aneddoto, non ho veramente parole!
tanti auguri di un sereno anno nuovo!
Un abbraccio,
Stefano

Heidi ha detto...

PAOLA: proprio così cara mia.... auguri anche a te!

MESTOLO: mi faresti un favore se riuscissi a farmi avere la ricetta per preparare la salsa che hai citato (se vuoi mandamela via mail!) ciao e buon anno!

JAJO ha detto...

Ciao Heidi, in genere sul lesso (a proposito: sai dirmi la differenza tra "bollito" e "lesso" ? Spesso si utilizzano indifferentemente i due termini, che dovrebbero avere significato simile ma non uguale, soprattutto per la tecnica di cottura) io utilizzo la mostarda di frutta di Cremona, oppure la senape in grani (ce ne sono di diverse, prevalentemente francesi - quelle inglesi, invece, non sono in grani - oppure un più semplice olio e sale - sempre la cosa migliore; molto raramente faccio una leggera maionese).
Un bacione e vi auguro ancora un 2009 ricco di felicità (è con il pancione che cresce non deve essere altrimenti :-D)
Jacopo

Heidi ha detto...

JAJO: sostanzialmente il "lesso" è quello che ho messo io sul post, ovvero la carne immersa in acqua fredda con i vari aromi e portata a bollore per ottenere un buon brodo, mentre per "bollito" s'intende la carne immersa mentre l'acqua già bolle perchè risulti più saporita disperdendo in minima parte i suoi succhi nell'acqua.
io lo chiamo comunque " il bollito" seppur la maggior parte di cuochi e buongustai potrebbero storcere il naso di fronte a questa mia "lacuna"! ;)

Gatadaplar ha detto...

Ne ho viste tante quando abitavo a Ferrara, sulla variante Stazione-Centro Industriale, ma anche sulla Via Bologna, vicino casa dei miei... ma incinte mai, per la miseria!!!
Penso che se quella ragazza fosse lì col pancione doveva veramente essere in condizioni disperate... Spesso non sanno una parola del paese in cui si trovano costrette a "lavorare" e magari a casa hanno situazioni ben peggiori... genitori anziani o fratelli/sorelle malati senza assitenza e senza un soldo... arrivano qui e gli sequestrano il passaporto... e loro, poverine NON SANNO che basterebbe cercare rifugio presso qualche parrocchia o centri adatti a questo.
Di andare al loro consolato credo che sarebbe solo controproducente... non so... ma credo che verrebbero semplicemente rimpatriate... con buona pace degli sfruttatori che ne aspettano altre 10... terribile... e a volte provo a pensare quanto debba costare loro abbassarsi a tanto... io scannerei vivi i loro aguzzini, o farei fare la stessa cosa alle loro madri, figlie, sorelle... Da quando ho letto Gomorra... c'ho una rabbia dentro... mammamia!!!!

Heidi ha detto...

purtroppo cara Gata, la cosa ancora più vergognosa è che anche i vari governi e maiali-politici traggono profitto da questa vergogna....
credimi che li appenderei tutti per i co****ni sti farabutti!

JAJO ha detto...

Esattamente come pensavo io, grazie per la conferma Heidi ^_^