Piatti tipici piemontesi pt.2° : polenta concia e agnolotti alla piemontese

La polenta concia.... che sarebbe meglio definire "sua maestà la polenta concia" è uno dei cavalli di battaglia della tavola valsesiana e biellese.
proprio nel biellese, più specificatamente ad Oropa; famosa per l'omonimo e pittoresco santuario della madonna nera posto nel cuore delle alpi biellesi che gli fanno da cornice, si può gustare questa prelibata delizia del palato accompagnata da un buon bicchiere di Barbera, Grignolino o Erbaluce.


uno scorcio "by night" della basilica antica del santuario di Oropa.

io la polenta la faccio prevalentemente sulla stufa in pietra che abbiamo sotto in taverna dove posso "incassare" il paiolo di rame al suo interno togliendo la parte rotonda della lastra superiore (è fatta apposta per questo! vedi foto).



INGREDIENTI:
farina gialla
acqua
formaggio
sale
burro

PROCEDIMENTO:

Portare in ebollizione in un paiolo di rame un litro abbondante d'acqua con un pugno di sale grosso, quando questa bolle vivacemente aggiungere a pioggia 350 gr. di farina di mais rimestando energicamente con un cucchiaio lungo di legno per evitare assolutamente che si formino grumi.
lasciare cuocere la polenta per un'ora sempre rimestandola di tanto in tanto e mantenerla "morbida".
preparare il formaggio: tagliare a fettine 2 hg. di toma biellese ed 1 hg di fontina valdostana; in un pentolino si frigge 1 hg. di burro di cascina con una fettina d'aglio e una foglia di salvia che andranno poi eliminati.
attenzione!:il burro dovrà essere solo leggermente dorato!
quando la polenta sarà cotta, aggiungere il formaggio poco alla volta rimestando perchè questi si sciolga perfettamente, dopodichè aggiungere il burro rosolato sempre rimestando ancora per un minuto e servirla caldissima!
(credetemi che mi sta venendo fame anche se ho appena finito di mangiare!!!);) SLURP :p

AGNOLOTTI ALLA PIEMONTESE:




Ecco un'altra prelibatezza gastronomica della nostra bellissima regione che io preparerò per il pranzo di natale!

INGREDIENTI:
pasta
burro
maiale
vitello
noce moscata
parmigiano
sale & pepe

PROCEDIMENTO:

si prepara la pasta con farina e uova come per i ravioli o le tagliatelle.
si friggono intanto in casseruola 50 gr. di burro e si aggiunge 300 gr. di lombo di maiale, ed altrettanti di carne di vitello.
una volta cotti si tritano, si uniscono un'odore di noce moscata, 4 cucchiai di parmigiano e si mescola il tutto ottenendo un'impasto omogeneo.
si tagliano poi dei rettangoli di pasta con l'apposito strumento, si riempiono un cucchiaino del composto e si ripiegano bene i bordi che vengono saldati premendo in modo che il ripieno resti ben chiuso.
si fanno in fine cuocere gli agnolotti in acqua salata per 3 / 4 minuti circa e si servono conditi con sugo di carne.

con queste due ricette vi faccio gli auguri di buon natale dandovi appuntamento eventualmente per una bella ricettina per il cenone di capo d'anno!

AUGURI!!!!

13 commenti:

JAJO ha detto...

Non puoi farci questo proprio alla vigilila di Natale, Heidi :-D
Strepitosa la polenta ma ancora di più la stufa, quelle di un tempo !
Mille auguri di buon Natale (anche doppi, in verità: ad Harald per la sua salute, ma mi pare stia facendo passi di gigante :-D
ed a te per.... il pancione !!!)
Jacopo

Susina strega del tè ha detto...

AUGURI DI BUON NATALE E DI UNO SCOPPIETTANTE ANNO NUOVO!!
UN MAGICO BACIO DALLA STREGA SUSINA!!!!
^_^

Gunther ha detto...

mi paice molto la polenta, ma gli agnolotti cosi belli sono irressitibile, ciao e colgo l'ocasione di tanti auguri di natale

Heidi ha detto...

JAJO: scusa ma cosa ho fatto di male?!?!?!!! ;)
grazie ed auguri anche da parte del mio Harald che si stà "riprendendo"!!!

SUSINA: auguri tesora! (ti ho fatto visisita stamattina!)

GUNTHER: grazie! come ho detto, lì nelle trattorie del circondario si mangia la VERA polenta concia... anche se quella che faccio io non ha nulla da invidiarle!
ciao e auguri!

Paola ha detto...

Che bella atmosfera di caldo e casa!!! Tanti auguri affettuosi!!!

JAJO ha detto...

Di male assolutamente niente, Heidi: di profondamente invogliante tutto quello che hai descritto in questo post ^_^
Queste saranno due settimane "campali" in cui le insalatine verranno rigorosamente messe al bando ed una polenta concia potrebbe essere la goccia che fa traboccare..... la bilancia hehehehehe
Ancora mille auguroni !!!
Jacopo

Heidi ha detto...

PAOLA: siiiii!!!! io adoro questa atmosfera...;)

JAJO: lo pensavo che era per quello!
poi è una cosa normale dai: se non ci si abbuffa in questo periodo...

Farfallina ha detto...

Bellissimo anche il tuo blog...ti metto tra i miei preferiti!!!
Auguriii di buone feste!

manu ha detto...

ciao sono passata per augurare a te ed alla tua famiglia serene feste!!! a presto

manu ha detto...

ops tra i commenti ho letto che sei in dolce attesa e che tuo marito non sta bene!!! mi spiace ti faccio gli auguri tripli

Heidi ha detto...

MANU: grazie cara! poi guarda, mio marito ormai si sta riprendendo alla grande ma ho dovuto impuntarmi per farlo rimanere a casa tranquillo per un pò, lui da buon "imprenditore" non ama a starsene con le mani in mano e anche quando siamo in vacanza, dopo tre giorni inizia già a "scalpitare"... però, come gli ho detto io: la salute prima di tutto!
ciao e grazie per essere passata!

Gatadaplar ha detto...

Heidiiiiiiiii, faccio leggere il tuo post alla mia mammina, che quando siamo state in Val D'Aosta in vacanza, ha fatto letteralmente il pieno di polenta in questo modo!!! Scommetto che le verrà un'attacco di nostalgia bestiale!!! :DDD
Grazie e abbraccioni!

marcella candido cianchetti ha detto...

ottima questa polenta concia ciao